Wonderful Losers, il film che fa bene al ciclismo!

Il mondo mai raccontato dei gregari, veri guerrieri del ciclismo professionista

Wonderful Losers. A Different World, l’appassionante film di Arunas Matelis sul mondo sconosciuto dei gregari nel ciclismo professionista, continua il suo tour nei cinema italiani.

Il documentario sarà proiettato al Cinema Aurora di Verona il 12 febbraio alle ore 20:45

Il film è frutto di un’importante co-produzione internazionale, tra cui l’Italia con Stefilm International, ed è sostenuto da Creative Europa Media, Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund – Fondo Regionale per il documentario, Friuli Venezia Giulia Film Commission, Vicenza Film Commission e Apulia Film Commission.

Premiato come Miglior Documentario al 33° Festival del Cinema di Varsavia, ai festival di Minsk e Tallin, al 29° Trieste Film Festival, ai Silver Crane 2018 insieme ad Alberto Lucendo come miglior compositore, all’Ulju Mountain Film Festival 2018, al Kendal Mountain Film Festival e candidato lituano agli Oscar 2019 per le categorie Miglior Film in Lingua Straniera e Miglior Documentario, il film segue il Giro d’Italia e i suoi “Sancho Panza” del ciclismo professionale: portatori d’acqua, servitori, gregari, scarsamente celebrati dai media, che sacrificano le loro carriere per aiutare i compagni di squadra a vincere.

Il trailer del film

A different world” come recita il sottotitolo, ci invita a guardare dentro a un mondo diverso, le cui regole, gerarchie e sacrifici, nonostante la popolarità del ciclismo, sono conosciute da poche persone. E lo fa concentrandosi su aspetti poco noti, quali le numerose cadute che i ciclisti affrontano, la squadra di medici che li assiste prestando i primi soccorsi in condizioni impossibili, le lunghe degenze in ospedale dei ciclisti infortunati. Un mondo suggestivo anche per chi non segue il ciclismo professionista, emblema di chi si sacrifica per gli altri nello sport come nella vita.

Tra i “wonderful losers” protagonisti del film di Matelis, troviamo il siciliano Paolo Tiralongo, che nella sua lunga carriera ha aiutato a vincere mitici campioni come Contador, Nibali e Aru, il canadese Svein Tuft, ripreso sulle montagne ad allenarsi tra la neve, il lombardo Daniele Colli la cui carriera è stata segnata da gravi incidenti e malattie. E ancora tra i non ciclisti, Giovanni Tredici, il leggendario medico del Giro d’Italia, con i suoi due fidati collaboratori, i rianimatori Massimo Branca e Elena Della Valle, unica donna medico del Giro, tutti sempre pronti a dare assistenza medica ai corridori in corsa dai finestrini delle auto.

Una storia coinvolgente diretta con passione e maestria da Arunas Matelis, tra i più noti e celebrati registi lituani all’estero, che già si era fatto notare con il suo Before flying back to the earth (2005), un documentario sui bambini affetti da leucemia che si è aggiudicato numerosi premi, tra cui il Directors’ Guild of America (DGA) nel 2006.

La distribuzione ha preso il via con l’anteprima al Trento Film Festival, dove il film è stato proiettato come evento speciale, fuori concorso. Poi, l’inizio del Giro d’Italia e le conseguenti tappe, che hanno portato il film dalla Sicilia fino al Nord d’Italia, per poi concludere a Roma. Terminato il Giro, il film è approdato anche nelle regioni escluse dalla gara ciclistica del 2018, come la Liguria e la Toscana; ma è anche ritornato, a grande richiesta, a Modena, Torino e Milano, dove ha riscosso un grande successo.

Qui tutta la programmazione dei film sulla nostra pagina dedicata: Cinema a Verona.

0 Commenti

Scrivi la tua recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su