Festa delle Fae a San Giorgio Ingannapoltron

Festa delle Fae a San Giorgio Ingannapoltron - Sagre e Manifestazioni a Verona

This event has ended

Domenica 13 novembre torna a San Giorgio di Valpolicella (frazione di Sant Ambrogio) la tradizionale “Festa delle Fae“, una manifestazione dal sapore antico che ricorda un piatto povero ma fondamentale per l alimentazione delle famiglie di una volta: le “fae” (fave).

La “Festa de le Fae” si e sempre celebrata regolarmente tutti gli anni fino al 1924, poi si e rarefatta fino al 1973 quando ha ripreso slancio, vigore e continuita, soprattutto per merito della Pro Loco.

Questa usanza locale sembra derivare da un rituale pagano, pre-cristiano. Le fave, che
per prime sbucano dal terreno primaverile dopo che il seme e stato
sepolto nella terra, erano il simbolo dell immortalita in quanto si
credeva che custodissero le anime dei trapassati.

Cosi ancora oggi, ogni anno, a San Giorgio Ingannapoltron, la seconda domenica dopo le festivita dei morti, alcuni abitanti del paese vestiti con abiti tradizionali issano un grande paiolo sopra l apposita pietra, detta la “piera de le fae” e distribuiscono a tutti i capifamiglia del paese (e da qualche tempo anche agli ospiti) una minestra di fave preparata con l antica ricetta: dopo aver messo a mollo le fave secche, si lasciano bollire sul fuoco per tre-quattro
ore senza sgusciarle insieme con patate, pancetta o lardo o cotica e
acqua, poi si versano sopra la farina fatta addensare con un po di
soffritto di cipolla e infine si condisce con un filo d olio di oliva.

Nel pieno rispetto della tradizione, il piatto di fave fumanti viene accompagnato da un buon bicchiere di vino Valpolicella.

Il borgo di San Giorgio si raggiunge dopo un cammino lungo e faticoso nonostante la prima impressione di vicinanza. Da cio deriva appunto il nome “Ingannapoltron”. Questo soprannome sembra che risalga al medioevo quando la scherzosa parola “poltron” fu aggiunta al toponimo “San Giorgio in Ganna”, un attributo che alcuni studiosi fanno risalire a “ganne”, nome pre-romano pertinente alle Alpi orientali, che significherebbe semplicemente “mucchio di pietre” o “localita rocciosa e pietrosa”.

Il
paese di San Giorgio e infatti legato, sin dall antichita, a
un intensa attivita di estrazione e lavorazione di marmo pregiato.

*******

Durante la giornata si potranno visitare l Antiquarium, il museo adiacente alla chiesa che riunisce reperti archeologici protostorici, romani e altomedievali rinvenuti nel territorio circostante, e la famosa Pieve, con il caratteristico chiostro.

Il borgo di San Giorgio sara chiuso al traffico dalle 9.00 alle 18.00. Sara attivo un bus navetta
(2€) con partenza e arrivo presso il Quartiere fieristico di
Sant Ambrogio di Valpolicella, con parcheggio
gratuito.

Altri eventi che ti potrebbero interessare

Back to top