Salta al contenuto Passare alla navigazione principale Passa al footer

Mostra Evento multimediale “Il mio inferno. Dante profeta di speranza”

Il mio inferno

Dal 29 marzo fino al 29 maggio 2022 il Bastione delle Maddalene ospita un evento unico dedicato al Sommo Poeta. Un viaggio multisensoriale con immagini, video e suoni che conduce tra i gironi danteschi, coinvolgendo le giovani generazioni a fare da ciceroni. L’evento si avvale dei contributi fondamentali di Franco Nembrini e Gabriele Dell’Otto.

Due mesi di multimedialità, cultura, spettacolo per un viaggio speciale nell’inferno dantesco. Si tratta della mostra/evento “Il mio inferno. Dante profeta di speranza”. Un appuntamento unico dedicato a Dante. Un viaggio tra i gironi danteschi, per i giovani e con i giovani, nato per avvicinare e appassionare le nuove generazioni alla lettura della “Divina Commedia”.

L’evento è organizzato da Associazione Rivela con Comune di Verona, Casa Editrice Cento Canti e Diocesi di Verona.

Apertura ufficiale martedì 29 marzo, ore 11, al Bastione delle Maddalene. Alle ore 20.45, al Teatro Camploy, in via Cantarane 32, serata spettacolo “Il mio inferno. Retroscena da una mostra” alla presenza del curatore Franco Nembrini, di un gruppo di studenti-guide e del robot umanoide NAO. Conduce l’evento Nicolò Brenzoni.

Esposizione multimediale. La mostra si avvale di due contributi fondamentali, quello del curatore Franco Nembrini, saggista e pedagogista, e quello del fumettista e illustratore Gabriele Dell’Otto.

L’esposizione si sviluppa su una superficie di 500 metri quadri. Tra i tunnel e i cunicoli del Bastione delle Maddalene, il visitatore si trova ad attraversare l’Inferno dantesco, immergendosi in un percorso multisensoriale fatto di proiezioni di immagini, video e suoni.

Sono 35 le tappe, scandite da altrettante illustrazioni accompagnate da approfondimenti e riflessioni. Emerge chiaro il legame tra il poeta e la città scaligera, dove fu accolto durante il suo esilio (prima dal 1303 al 1304, quindi dal 1313 al 1318); il vagare per la “selva oscura”, nella quale Dante incontra Virgilio, poi il passaggio della Porta dell’Inferno; lungo i gironi, si susseguono gli incontri, tra gli altri con Paolo e Francesca, Cerbero, Farinata Degli Uberti e Lucifero.

Parte integrante dell’evento è, in esclusiva per Verona, l’opera “El Dante”, realizzata dallo scultore Adelfo Galli. È la raffigurazione di un uomo stupito, travolto e commosso dall’incontro con Beatrice, tanto da cambiare la coscienza che ha di se stesso e di tutta la realtà. Lo scultore rappresenta la processione a cui il Sommo Poeta assiste nel paradiso terrestre (canti XXIX e XXX) del “Purgatorio”. Il mitologico grifone guida il carro della Chiesa, su cui è assisa Beatrice, protetta dai quattro evangelisti (l’aquila, l’angelo, il bue e il leone; la scena è allietata dalla danza delle tre virtù teologali (Fede, Speranza e Carità) e dal tripudio di un popolo numeroso.

La mostra segue il filo conduttore delle straordinarie illustrazioni realizzate da Gabriele Dell’Otto per il volume di Franco Nembrini sull’Inferno dantesco.

Percorso espositivo. Nella sua parte iniziale, la mostra si sofferma su due prospettive: dapprima fa prendere coscienza che l’esistenza dell’uomo è “una selva oscura” caratterizzata dalla paura, dall’insoddisfazione, dalla solitudine e dal fatto che tutti i tentativi umani, anche i più ardimentosi sono caratterizzati dal fallimento, dalla constatazione che l’uomo da solo non è in grado di dare un senso al suo vivere. In seguito, rende evidente come Dio non abbandoni l’uomo nel suo limite: nel momento in cui chiede aiuto (“Miserere di me”), Dante viene affiancato da una guida, Virgilio, che conduce il poeta attraverso il complesso e difficile viaggio verso la luce. In questo viaggio Dante incontra il male prodotto dall’uomo contro se stesso e gli altri, fino al male assoluto, Lucifero.

La mostra rappresenta questo viaggio soffermandosi su alcuni dei personaggi che il poeta incontra nella visita dei vari gironi infernali, riflettendo sui dannati e sui loro peccati; descrivendo in modo mirabile l’intero orizzonte umano. Lo sguardo appare però sempre teso al bene: la constatazione dell’abisso del male umano non sfocia mai nel nichilismo o nell’indifferenza, nemmeno nell’atmosfera opprimente e ghiacciata di Lucifero. La prospettiva rimane sempre quella del Cristianesimo: affermare la speranza anche nel momento del dolore e del male (“per ridir del ben che vi trovai”), perché l’uomo non è mai solo. Infatti la presa di coscienza del male e della debolezza dell’uomo non è che il primo passo verso la pienezza della luce, della verità, del bene (“uscimmo a riveder le stelle”).

A fare da guida alla mostra studenti e un robot umanoide. Il punto di vista è quello delle nuove generazioni: l’idea originaria è partita da due studenti dell’Università Cattolica di Milano.
A fare da guide sono gli studenti del triennio delle superiori (accompagnati da guide e tutor adulti dell’associazione Rivela) grazie all’attività dei PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento). Formati sulla mostra con lezioni e approfondimenti, i ragazzi possono così illustrarne i contenuti ai coetanei e ai visitatori. Guida d’eccezione è inoltre NAO, un robot umanoide con tutte le articolazioni di un essere umano e sensori che, grazie all’Intelligenza Artificiale, lo rendono capace di dare feedback emotivi e spiegazioni sui contenuti della rassegna.

PROMOTORI DELLA MOSTRA
L’Associazione Rivela realizza e propone mostre itineranti a tema storico, artistico e sociale, sul territorio delle province del Veneto e Lombardia coinvolgendo circa 500 volontari.
Il Comune di Verona, città patrimonio Unesco.
La Casa Editrice Centocanti è stata voluta da un gruppo di giovani studenti di scuole superiori, uni-versitari e insegnanti, impegnati a far conoscere, in Italia e nel mondo, l’opera del Sommo Poeta.
La Diocesi di Verona promuove la diffusione della Fede anche attraverso iniziative culturali.

SEDE ESPOSIZIONE
Bastione delle Maddalene, Vicolo Madonnina (Porta Vescovo), Verona

ORARI DI APERTURA
Martedì/Mercoledì/Giovedì/Venerdì/Sabato/Domenica
Dalle ore 9.30 alle ore 12.30 / dalle ore 15 alle ore 18

PRESENTAZIONE UFFICIALE
Martedì 29 marzo ore 11 con il taglio del nastro presso il Bastione delle Maddalene.
Martedì 29 marzo ore 20.45 presso il Teatro Camploy (in via Cantarane 32, Verona): serata spetta-colo ”Il mio inferno. Retroscena da una mostra”. Alla presenza del curatore Franco Nembrini, di un gruppo di giovani studenti-guide della mostra e il robot umanoide NAO. Conduce la serata Nicolò Brenzoni. Ingresso libero con obbligo di prenotazione on line. Accesso consentito con Green Pass rafforzato e mascherina FFP2. Info e prenotazioni sul sito: www.danteprofetadisperanza.it.

INFO E PRENOTAZIONE VISITE
Le visite alla mostra saranno possibili esclusivamente con prenotazione obbligatoria sul sito web www.danteprofetadisperanza.it.

Informazioni per prenotazioni
Tel. 340.7906962 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 / dalle ore 15 alle ore 18
Email: info@danteprofetadisperanza.it

Altre informazioni
Tel. 375.5848188 / 347.9765382
Mail: rivela@rivela.org

Mangiare in zona

Trattoria Da Ropeton

Verona / Veronetta

Pasta casareccia e carne cotta nel camino in un ambiente rustico con sedie impagliate e terrazza sul tetto.

More

Osteria Ai Preti

Verona / Veronetta

Osteria dove trovare i piatti tipici della tradizione veronese e veneta

More

Osteria Ai Osei

Verona / Veronetta

Cucina tipica Veneta e piatti tipici italiani preparati sul momento.

More

Lo Speziale locanda

Verona / Veronetta

Un locale originale dove trovare piatti stagionali, vini biologici ed eventi culturali.

More

Shopping in zona

La Bottega del Baccalà

Verona / Veronetta

Alla Bottega del Baccalà trovate molti prodotti tipici per gli amanti della cucina tradizionale veneta.

More

Libre!

Verona / Veronetta

Libreria ed emporio culturale con un occhio di riguardo per l’editoria indipendente.

More

Ettogrammo

Verona / Veronetta

Ettogrammo è un negozio dove tutto è venduto a peso.

More

Perlini Ceramica

Verona / Veronetta

Piccole serie e pezzi unici in ceramica per l'arredamento, la tavola e l'illuminazione.

More

Soggiornare in zona

B&B King

Verona / Veronetta

Il B&B King è un grazioso bed and breakfast situato a pochi passi dal Giardino Giusti e dal Teatro Romano.

More

B&B San Nazaro

Verona / Università

Nell’antico quartiere di Veronetta, offre un’ospitalità accogliente. Camera con bagno privato e deposito bagagli.

Prenota ora
More

Residenza al Parco

Verona / Veronetta

La Residenza al Parco è una piccola struttura ristrutturata che ospita diverse tipologie di alloggi.

More

Residence Arena House

Verona / Veronetta

Il residence Arena House a Verona si trova in ottima posizione nel centro storico della città.

More

B&B Città di Giulietta

Verona

Un elegante appartamento
al primo piano di un palazzo antico nel centro storico, arredato in modo confortevole e attrezzato in un’atmosfera accogliente del tutto informale.

More
Torna su